Accedi

Entra nel tuo account

Username *
Password *
Ricordami

Prodotti Tipici

Tutti i prodotti della produzione vinicola di Gambellara sono prodotti dallo stesso vitigno, il Garganega.

Il Gambellara, nella versione Gambellara Classico se proveniente dalla zona collinare, è un vino dal colore giallo paglierino tenue, dal profumo fresco e delicato, dal sapore asciutto, con piacevole sentore di mandorla. Ideale come aperitivo, con antipasti di mare, con primi piatti, con il “Baccalà alla Vicentina”, Uova e Asparagi e con il capretto allo spiedo.

Il Recioto di Gambellara D.O.C.G. è ottenuto da uve Garganega meticolosamente selezionate in vigna, raccolte a mano nei primi giorni di settembre. Vengono messe ad appassire con il sistema tradizionale dei picai (appiccare si dice, in lingua veneta, "picar via") e recentemente anche con l’introduzione del metodo in cassetta in locali arieggiati e privi di umidità. L’appassimento si protrae fino al mese di gennaio-febbraio dell’anno successivo, per poi pigiare l’uva in modo soffice. Il mosto ottenuto subirà quindi una fermentazione in bianco che si protrarrà per mesi, assumendo delle caratteristiche del tutto peculiari. Ne uscirà un vino dal colore giallo dorato, vivo e brillante, con intenso profumo di frutta matura e dal sapore intenso e persistente, con leggero gusto di passito e delicato retrogusto amarognolo.

Il vino può anche essere sottoposto ad un successivo affinamento in legno. Si abbina con dolci (soprattutto quelli con le mandorle), zabaione e biscotti di tutti i tipi: savoiardi, integrali, secchi, di pasta frolla, farciti. L'abbinamento per eccellenza è tuttavia con il Brasadelo.

Il Recioto di Gambellara D.O.C.G. può essere prodotto nelle tipologie: «Recioto di Gambellara» classico (anche vivace come da tradizione), e «Recioto di Gambellara» spumante.

Il Gambellara Vin Santoè un vino ottenuto da uve Garganega fatte appassire fino alla primavera dell’anno successivo.

Oggetto di un recente progetto di recupero, è l’unico Vin Santo di tutto il Veneto e uno dei pochi che si producono in Italia. Si distingue per il giallo ambrato, più o meno carico, risultato delle ossidazioni cui è sottoposto durante la sua pluriennale permanenza in piccoli caratelli.

 

Il Recioto

Il nome “Recioto” deriva dalla leggenda che una volta si sceglieva la parte esterna dei grappoli: quelle “ali” che nel dialetto veneto sono chiamate “recie”.

Il Recioto di Gambellara con Decreto 1 agosto 2008 pubblicato sulla G.U. 22-8-2008può, sottostando ai disposti del disciplinare facente parte del decreto stesso, fregiarsi della prestigiosa “Denominazione di Origine Controllata e Garantita” che è sinonimo di garanzia per il consumatore come vino altamente e qualitativamente ricercato.

La zona del Recioto di Gambellara D.O.C.G. è posta nella fascia limitrofa ad ovest della provincia di Vicenza, al confine con la provincia di Verona, lungo la cosiddetta Strada del Recioto.

La vinificazione per la produzione del Recioto deve essere effettuata con uve provenienti da una zona ben delimitata facente parte dei Comuni di Gambellara, Montebello Vicentino, Zermeghedo e Montorso Vicentino, previo appassimento naturale.

Gambellara è famosa non solo per i vini, ma anche per altri due prodotti tipici: il Brasadelo e il capretto bianco.

Il Brasadelo è un dolce secco tipico della tradizione, fatto con ingredienti semplici: farina, uova, burro, zucchero, lievito. La particolarità è che tra gli ingredienti compare anche il Recioto di Gambellara.

Il suo nome deriva o dalla tecnica di cottura, che veniva praticata tramite il forno a legna con le braci  (in dialetto brace=brasa quindi brasadelo ), oppure dalla forma del dolce, che è un filone chiuso a ciambella, e che ricorda quella di un “abbraccio” (dal dialetto veneto braccio=brasso quindi brasadelo).

Il capretto bianco di Gambellara lo si riconosce subito perché ha il vello bianco. Questi animali erano già ricercati al tempo della Repubblica di Venezia, tanto che alla mensa dei Dogi comparivano solo animali provenienti da questa zona. Non avevano più di quaranta giorni, venivano allevati in libertà, non mangiavano erba ma venivano nutriti solo con latte. Può essere cotto al forno oppure sullo spiedo.

 

Gambellara

Gambellara è un comune di circa 3400 abitanti della provincia di Vicenza famoso per le sue produzioni vitivinicole, che si trova al confine tra Vicenza (22 km) e Verona (30 km).

Gambellara ha tre frazioni, Sarmazza, Torri di Confine e Sorio.

Grazie al terreno di origine vulcanica, ricco di fertilità chimica naturale, le uve presentano una ricchezza di zuccheri e di sostanze aromatiche che si riscontrano poi nei vini.

La Garganega è il vitigno autoctono, il cui grappolo è lungo, cilindrico-piramidale, alato e abbastanza spargolo, mentre gli acini sono di media grandezza, con buccia di colore giallo-dorato.

I vini si possono gustare nelle tre tipologie: Gambellara, Gambellara Recioto e Gambellara Vin Santo, anche nelle versioni “Classico”, riservate alle produzioni collinari.

Nei primi del novecento a Gambellara esisteva un' importante cava di basalti vulcanici utilizzati per la costruzione delle massicciate delle Ferrovie. L'attuale cava è stata bonificata e se ne è ricavato un parco naturale.

La vicinanza dell’autostrada A4 Milano - Venezia e di alcune importanti vie di comunicazione ne facilitano la visita ed agevolano gli scambi commerciali.

La festa paesana più importante a Gambellara è la Festa dell'Uva e del Recioto, che si svolge la quarta domenica di Settembre di ogni anno, mentre la sagra del santo patrono, San Marco, viene festeggiata il 25 Aprile.

 

Cosa visitare

Chiesa di San Pietro in Gambellara: ricostruita il secolo scorso ex – novo.

Chiesetta di San Marco: ha subito diverse ricostruzioni, l’attuale è del XX secolo.

Chiesa di San Giorgio a Sorio: del 1500.

Obelisco di Sorio: costruito nel 1868, testimone della battaglia di Sorio del 1848.

Palazzo Cera: del XVIII sec., ristrutturato nel 2003, sede del Consorzio Tutela Vini DOC Gambellara, nonché della Strada del Recioto e della Biblioteca Comunale.

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.